Ma i non vedenti fanno sport?

ale e dan8

Nella foto: Ale & Dan8 che fanno stretching per ascoltare Filippo mentre parla di sport

Per il secondo post della sezione Infinite abilità, ho pensato di parlarvi di sport. Anche noi ciechi facciamo sport e io in particolare da qualche mese faccio Judo con la polisportiva ASD La Fenice.

Ci sono tanti sport che possiamo fare, alcuni creati ad hoc per noi, altri rivisitati e altri ancora semplicemente agevolati. Tra quelli creati ad hoc ci sono showdown, torball e golball. Tra quelli rivisitati troviamo calcio a 5, baseball e atletica. Infine, rientrano in quelli agevolati il tandem, il nuoto e lo sci. Ovviamente ce ne sono altri, ma questi sono i più conosciuti.

Personalmente ho esperienze dirette di tandem, showdown e baseball. Qui potete vedere in azione la squadra del Bologna, che mi ha fatto scoprire questo gioco spettacolare. Vi parlerò, quindi, degli sport che conosco in prima persona, ma se qualcuno – leggendo questo post – volesse condividere la propria esperienza, ne sarei ben felice.

tandem

Nella foto: tandem abbandonato da quei pigri di Ale & Dan8

Iniziamo con il tandem, anche perché è quello di cui parlerò meno visto che l’unica cosa che lo differenzia dal classico andare in tandem è che il cieco è seduto dietro. Ho chiesto tante volte a mio padre di stare davanti ma si è sempre rifiutato … chissà come mai. Piccola nota, ho provato a portare anche Lila, il mio cane guida, ma è sportiva tanto quanto il padrone ed infatti si è stancata subito!

Lo showdown, come avrete notato dal video, potrebbe essere paragonato ad un mix tra ping pong e biliardino. Le regole sono semplici, bisogna colpire la palla con la racchetta senza farla alzare troppo e, grazie ai rimbalzi tra le varie sponde, farla entrare nella porta avversaria. Ci ho giocato una volta sola quindi non vi so dire molto di più.

pallina-da-baseball

Nella foto: una pallina da baseball con la quale verrà linciata Alessia se non la smette di fare queste didascalie idiote

Il baseball l’ho scoperto da pochissimo e, se solo non fosse che a Pescara non ci sono squadre, lo praticherei un po’ di più! Comunque, le regole sono pressoché le stesse del baseball classico, le differenze, come avrete visto dal video linkato prima, sono pochissime.
Non c’è un lanciatore ma la palla viene tenuta in mano dal battitore stesso che la deve colpire con la mazza usando una mano sola… a proposito, quanto fa male sbagliare mira!
Le basi vengono segnalate sonoramente e la prima si salta direttamente mentre sulla seconda e la terza ci sono due vedenti che fanno rumore con delle palette. La palla non può volare alta ma deve rotolare anche perché ha dei campanellini all’interno e, rotolando, può essere individuata dalla squadra in difesa. Una volta raccolta la palla, va tirata in seconda base e, se ci sono giocatori che non hanno raggiunto la base successiva alla loro posizione, vengono automaticamente eliminati.

Ci sono altre differenze ma, fidatevi ciecamente, sono poche. Se volete saperne di qui, rimando al sito dell’AIBXC che è l’associazione italiana baseball giocato da ciechi, la quale si occupa di organizzare il campionato italiano. Se potete, andate a vedervi una partita dal vivo perché lo spettacolo merita veramente tanto.

lottatori di judo

Nella foto: Ale e Dan8 in armonia. photo: Korea.net / KoreanCultureAndInformationService (KoreanOlympicCommittee)

Il judo è l’ultimo sport di cui vi parlerò ed è quello che sto praticando da meno di un anno. Le differenze, in questo caso, credo siano solo nel fatto che si parte già “abbracciati” e non c’è il classico momento di studio dell’avversario a distanza e che, nella lotta a terra, non si possono usare pugni e calci … la cosa bella è che mi sono allenato diverse volte con vedenti e, se non fosse per la palese differenza di esperienza, probabilmente il combattimento sarebbe alla pari. Noi non vedenti tendiamo, infatti, ad affinare prima la sensibilità verso l’equilibrio dell’avversario e, infatti, qualche volta ho stupito la persona con cui combattevo andando a fare una mossa che non si aspettava.

Se volete conoscere i prossimi appuntamenti di judo in programma in Abruzzo, scrivetemi e vi darò tutte le informazioni. Che altro aggiungere? Credo nulla se non commentate e, mi raccomando, mettete “mi piace” alla pagina della polisportiva altrimenti la prossima volta che mi allenerò a Judo col presidente della stessa mi farà scontare il fatto che ce ne siano ancora pochi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *