Il disordine delle cose di Silvia Pingitore

banner-culturadisadattata

il-disordine-delle-cose-silvia-pingitore

Il disordine delle cose – Silvia Pingitore
La Lepre Edizioni, Roma, 2014, 12 euro

Silvia Pingitore è nata a Roma nel 1984. Attualmente vive a Londra.
“Il disordine delle cose” è il suo secondo romanzo.

Lucia aspetta. Sola. Mite. Paziente. Qualcuno ma soprattutto qualcosa. La svolta, il futuro, la speranza. Quella a cui si iscrive, corso di laurea in S.C.E.M.I (Scienze Comunicative & Mediazione Intercontinentale), dove ci sono per lo più discipline inutili.

Lei, una ventenne senza santi in paradiso, dal cognome ingombrante (Fellini) frutto solo di semplice omonimia, inizia a frequentare quell’università, intorno alla quale ruotano personaggi di ogni tipo. Abituata al suo piccolo mondo, fatto di cose semplici e ordinate, si ritrova catapultata in una realtà che non capisce. Il disordine entra nella sua vita.

Lucia è fuori dal tempo in cui vive. Non sa usare un cellulare, non ha un pc, non veste alla moda, è gentile, mai sopra le righe e non conosce molte cose che per i suoi coetanei sono la quotidianità. Lucia è ingenua, forse, ma piena di volontà.

Un giorno, su una porta del bagno, viene colpita da alcune frasi con una firma che non comprende. Kalevala. Immagina un ragazzo, un uomo interessante. Fantastica. Sull’unica cosa che la fa sentire capita, un po’ meno sola. Scopre più tardi che si tratta di un poema epico finlandese.

Per una serie di situazioni, la protagonista parte per la Finlandia. E proprio qui ci sorprende, nel momento di maggiore incertezza e grandezza che è tipico di un viaggio. Lucia, che fino a quel momento gli eventi li aveva subiti e assecondati, scopre ora il lato piacevole del caos che si ritrova lungo il cammino, riuscendo a viverlo con serenità. “Era tutto così insensato, ma anche maledettamente perfetto“.

Mettendo da parte un cumulo di esperienze ed eventi senza averli compresi, Lucia cerca di vivere al meglio il presente, in attesa di un futuro cambiamento. Semmai dovesse arrivare. Senza ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *